DIETA-SALUTE:alimentazione,dimagrire,fitness,diete,perdere peso,benessere,bellezza,disturbi alimentari,consigli per dimagrirePortale web di informazioni su: dieta, alimentazione, dimagrimento, salute, estetica, benessere, forma fisica, fitness, ambiente, consigli, novità.

  

 

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI:

 

Molti di noi sono allergici a determinati alimenti e spesso non lo sanno nemmeno!

Ma cos'è l'allergia? Dunque, l'allergia alimentare è una fortissima (e rapida) reazione verso un alimento scatenata dal nostro sistema immunitario. In pratica il nostro organismo produce un anticorpo IgE verso uno specifico alimento (l'IgE, o l'immunoglobulina E, è una proteina che attacca uno specifico alimento).

Senza allarmismi bisogna dire che, in taluni casi gravi, l'allergia alimentare può portare ad una malattia seria o addirittura alla morte. Vero è, però, che non sempre una reazione dell'organismo ad un alimento è un'allergia. Si tratta, in questi casi, di una reazione definita "intolleranza alimentare". Il sistema immunitario umano non manifesta i sintomi dell'intolleranza alimentare, che, in ogni caso, possono assomigliare a quelli di un'allergia alimentare.

Sottolineiamo che parecchie allergie alimentari, anche se non tutte, possono essere curate e superate durante gli anni. In sostanza, col tempo, si può sviluppare una "tolleranza" verso alimenti ai quali precedentemente si era allergici.

 

ALLERGIE ALIMENTARI: QUANTE E QUALI SONO:

Capita, dopo aver mangiato, che ci si senta "strani", poco bene; per cui ci si chiede se non si abbia un'allergia alimentare. Con questo unico dubbio-sospetto, una persona su tre crede - sbagliando - di avere un'allergia alimentare modificando la propria dieta. Infatti, nonostante l'allergia alimentare sia molte volte presente, i casi reali di tale malattia sono molto meno frequenti di quanto si possa immaginare.

Le allergie ad alimenti sono molto presenti nei primissimi anni di vita colpendo circa il 6% dei bambini con meno di tre anni di vita, per diminuire poi fino ai 10 anni di età.

Quasi tutti i bambini con allergia al latte vaccino la manifestano durante il primo anno di vita. Gli stessi bambini riusciranno a bere di nuovo il latte nell'80% dei casi entro i 5 anni di età (tolleranza). Circa il 35% dei bambini con allergia al latte vaccino svilupperà altre allergie alimentari durante la vita.

Ridotte sono le possibilità di reintrodurre senza problemi l'arachide, la nocciola, i molluschi ed i pesci di mare per gli individui allergici a tali alimenti. Risulta che possibilità di sviluppare tolleranza verso gli alimenti ai quali si è allergici, è via via minore quanto più tardi, durante gli anni di vita, si sia manifestata l'allergia alimentare.

Le malattie che più spesso si associano ad allergia alimentare sono la dermatite atopica e l'asma. Circa il 35% dei bambini con dermatite atopica moderato-severa ha allergia alimentare IgE-mediata, e tra il 6 e l'8% dei bambini asmatici presenta respiro sibilante (wheezing) indotto da alimenti.

Sulla base di più recenti studi, si pensa che tra il 3,5 al 4% della popolazione generale dei paesi occidentali (compresa l'Italia) abbia una allergia alimentare (IgE-mediata).

 

ALIMENTI CHE PORTANO PIU' FACILMENTE ALLERGIE:

Anche se la dieta umana è davvero variegatissima, gli alimenti che causano la gran parte delle allergie alimentari nel mondo sono alla fine molto pochi.

Latte, uovo ed arachide sono responsabili della maggioranza delle reazioni allergiche indotte da alimenti nei bambini mentre arachide, nocciola, pesce e molluschi sono responsabili di moltissime reazioni allergiche indotte da alimenti negli individui adulti.

 

I SINTOMI DI UN'ALLERGIA ALIMENTARE:

Si possono dividere in quattro macro-gruppi:

§                           Gastrointestinali: sindrome orale allergica, anafilassi gastrointestinale;

§                           Cutanee: orticaria, angioedema, rashes morbilliformi e flushing;

§                           Respiratorie: rinocongiuntivite acuta, broncospasmo (wheezing);

§                           Generalizzate: shock anafilattico.

 

ALLERGIE ALIMENTARI IN FORME GASTROINTESTINALI:

Sindrome orale allergica o sindrome polline-alimento. Sintomi: provoca prurito e bruciore della mucosa orale ed edema delle labbra subito dopo l'ingestione di un alimento vegetale. E' spesso causata da proteine (allergeni), pollini (ad es. betulla, ambrosia ed artemisia) ed alimenti vegetali (es. banana, melone, patata, carota, sedano, mela, pera, nocciola e kiwi). Dato che gli allergeni che scatenano queste reazioni vengono eliminati dal calore o dagli enzimi gastrici, molti pazienti hanno sintomi limitati alla mucosa orale e faringea.

Anafilassi gastrointestinale. Si presenta rapidamente con nausea, dolore addominale di tipo colico, vomito e/o diarrea; spesso si accompagna ad altre manifestazioni allergiche, che possono riguardare la cute e le vie respiratorie.

 

ALLERGIE ALIMENTARI CON FORME CUTANEE:

Orticaria/Angioedema acuto. Porta prurito, bruciori e pomfi che variano molto per estensione e durata. L'angioedema (ringonfiamento delle cute) provoca soltanto formicolio, calore e sensazione di tensione su una pelle edematosa. Questi i sintomi più comuni delle reazioni allergiche provocate da alimenti. In pochissimi casi, poi, l'allergia alimentare può causare orticaria ed angioedema cronica (sintomi che durano oltre le 6 settimane).

 

APPARATO RESPIRATORIO ED ALLERGIE ALIMENTARI:

Rinocongiuntivite.  In casi limitati può essere il risultato di una reazione allergica ad alimenti; anche se molte volte si presenta con sintomi di allergia alimentare.

Asma. E' una manifestazione poco comune di allergia alimentare, nonostante il broncospasmo acuto venga osservato di solito con altri sintomi indotti da alimenti. Comunque sia l'iperreattività delle vie respiratorie ed il peggioramento dell'asma può presentarsi anche in assenza di marcato broncospasmo dopo ingestione di piccoli quantitativi di allergeni alimentari in soggetti già sensibilizzati. Bisogna notare che l'allergia alimentare è stata recentemente individuata come una dei maggiori fattori di rischio di asma potenzialmente fatale. Vapori ed esalazioni contenenti proteine emesse dagli alimenti durante la cottura (es. pesce) possono indurre reazioni asmatiche e persino anafilassi è stato calcolato che circa l'1% dell'asma negli adulti potrebbe coinvolgere reazioni ad esposizione inalatoria ad alimenti, soprattutto in ambiente lavorativo.

 

ALLERGIE ALIMENTARI IN FORME GENERALIZZATE:

Anafilassi. L'anafilassi generalizzata provocata da allergie alimentari causa da un terzo alla metà almeno dei casi di anafilassi presentate nei pronti soccorsi ospedalieri. Accompagnate ad altri sintomi cutanei, respiratori e gastrointestinali i pazienti potrebbero presentare sintomi cardiovascolari quali ipotensione, collasso vascolare ed aritmie.

Occorre osservare che in uno studio condotto su casi di anafilassi indotta da alimenti, son venuti fuori alcuni fattori di rischio per l'anafilassi indotta dagli alimenti:

  • In grande maggioranza le vittime sono adolescenti o giovani adulti;

  • Precedenti reazioni agli alimenti implicati (che di solito non avevano messo a rischio la vita);

  • Quasi tutte le vittime hanno forme di asma;

  • Mancanza di adrenalina autoiniettabile al momento della reazione;

  • Nocciola ed arachide sono gli alimenti responsabili nella maggior parte dei casi (94%).

Se si hanno spesso sintomi "strani" dopo aver mangiato è preferibile rivolgersi al proprio medico per un controllo; magari stando attenti a cosa si è mangiato subito prima della manifestazione di quel particolare sintomo (soprattutto se ripetuto nel tempo).

 

 

 

 


Alimentazione
Dimagrire
Cos'è la dieta
Tipi di diete
Sport e salute
Consigli dieta
Perchè si ingrassa?
La tua dieta
Cellulite
Obesità
Anoressia
Bulimia
Disturbi alimentari
Tabelle peso
Prodotti biologici
Allergie ed intolleranze
Calorie
Ambiente
Corso Estetista
Note legali
Le Vostre storie
Link utili
Link amici
Oroscopo
Mappa del sito
Scrivici
ARTICOLI
NEWS
 
Home page

Tutti i diritti riservati ©

DIETA-SALUTE.COM - © Copyright 2008-2014 - Tutti i diritti riservati - Editore: Associazione Culturale Confgiovani (ente no-profit) - Iscr. ROC n.19181 - Web Project Dr. Massimiliano Giovine - Info: dottormax@gmail.com

Attenzione: prima di seguire una dieta o un regime alimentare controllato o prima di iniziare una qualsiasi attività sportiva, consultare il proprio medico. Decliniamo inoltre ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dall'uso improprio e non corretto di tecniche di allenamento, diete, regimi alimentari ed integratori riportati nei contenuti del presente sito web. |Note legali|