Navigando su questo sito web si accettano i cookie tecnici utilizzati solo per fornire i Nostri servizi. Per maggiori informazioni leggere l'informativa Privacy n.679/2016 (GDPR) e CookieDIETA-SALUTE:alimentazione,dimagrire,fitness,diete,perdere peso,benessere,bellezza,disturbi alimentari,consigli per dimagrire

Portale web di informazioni su: dieta, alimentazione, dimagrimento, salute, estetica, benessere, forma fisica, fitness, ambiente, consigli, novità.

 

CURARE L'ANORESSIA: UN PROBLEMA DELICATO ED ATTUALE

Una donna anoressicaOggi molti tendono ad evitare di parlare della "piaga" dell'anoressia. L'anoressia è una vera e propria patologia; ha come elemento principale il quasi totale rifiuto del cibo, dovuto alla necessità spasmodica del controllo della propria alimentazione, capita anche che chi soffre di questi disturbi ha sempre molta fame. Ciò comporta l'uso di vari "sistemi" come l'autoinduzione del vomito, anche dopo aver ingerito solo qualche grammo di cibo; ma soprattutto porta spesso ad un eccessivo esercizio fisico, per "bruciare" quella poca massa che ancora il proprio corpo riesce a mantenere e che il soggetto "malato" vede erroneamente come elemento da eliminare.

La parola anoressia, che nella sua origine greca (ανορεξία=da leggere "anorexìa) indica assenza di appetito; è oggi comunemente utilizzata per indicare un disturbo mentale purtroppo diffuso nella nostra società attuale, anche se è stato individuato, in diverse forme, parecchi decenni fa.

COME INIZIA L'ANORESSIA?

Solitamente inizia con una dieta. La persona anoressica non si sente e non si vede mai abbastanza magra. L'anoressia può portare a gravissime conseguenze fisiche quali insufficienza renale, osteoporosi, alterazioni cardiovascolari, caduta dei denti e dei capelli. Il guaio è che spesso l'anoressica non si rende conto della propria situazione; oppure la sottovaluta notevolmente. L'anoressia nervosa secondo gli esperti, e' la malattia mentale con il più alto rischio di morte, pari allo 0,5% l'anno (muore di anoressia una ragazza ogni 2 anni). Molto grave - e strettamente collegato - è anche il problema della bulimia

 

 


RICOVERO FORZATO PER LE ANORESSICHE: Proprio nei casi più gravi, dicono gli psichiatri, siamo in presenza di un ostinato rifiuto alle cure che difficilmente gli specialisti riescono a vincere. In questi casi gravi può servire il trattamento obbligatorio.

Una pratica usata in Inghilterra nei casi di forte gravità, ma che in Italia è molto rara.

Nel nostro paese i genitori possono richiedere trattamenti obbligatori per i minori, mentre nel caso di ragazzi maggiorenni occorre la richiesta da parte del medico ed un'ulteriore certificazione delle autorità sanitarie.

L'anoressia è una malattia che colpisce soprattutto le donne, specie durante l'adolescenza, in una fase della vita molto delicata, perchè il proprio corpo subisce rapidi cambiamenti, che devono essere supportati da una corretta alimentazione e da un giusto equilibrio mentale.


L'anoressica prova rifiuto per il cibo e smette di ingerirlo, con conseguente perdita smisurata di peso.

Ma quali sono i motivi per cui molti giovani (e meno) cadono nel tunnel dell'anoressia?
Sicuramente perchè rifiutano se stessi, si sentono imprigionati in un corpo che non sentono proprio, il loro unico obiettivo è perdere peso, questo desiderio resta fino al raggiungimento del vero risultato, l'autodistruzione.
Nella società contemporanea, la magrezza è considerata ERRONEAMENTE il valore più importante e viene esaltata dalla televisione, che ogni giorno propina corpi stereotipati, e soprattutto eccessivamente magri. La tv odierna è responsabile, molte volte, di modifiche ed influenze comportamentali che talune volte possono portare a patologie sociali, psicologiche e fisiche di ampia portata. La mancanza di seri professionisti della comunicazione che sta dietro a molti programmi televisivi, aumenta ahinoi, tale pericolo soprattutto tra i soggetti più "vulnerabili" e poco preparati ad individuare i veri valori della propria vita. E di quelle degli altri. La tristezza vergognosa è che molte ragazze oggi avrebbero come obiettivo della vita, quello di fare la "velina"... beh, la dice lunga sulla situazione in cui ci troviamo. E la tv (ma anche alcune riviste "modaiole" e vuote), ripetiamo, ricopre un ruolo fondamentale e delicatissimo in questo.
Cadere nell'inferno dell'anoressia è molto più semplice di quanto si possa immaginare.

Dietro questo meccanismo autolesionista, può nascondersi un profondo disagio di vivere.
E' una malattia che si insidia silenziosamente ed in modo subdolo nella vita delle persone fragili, senza dare segni evidenti al suo inizio. Un primo segnale di allarme può essere questo: se nella vostra famiglia o tra i vostri conoscenti a cui tenete, notate qualcuno che puntualmente, subito dopo aver mangiato, si chiude in bagno, beh allora vigilate attentamente! Chi fa così, spesso va in bagno proprio per favorire il vomito ed espellere quello che ha ingerito. Sistema questo che non serve certamente a dimagrire; ma solo a farsi del male.
 

 

 

  Uno dei migliori video sull'anoressia

 

 


CERCA >> 
Alimentazione
Dimagrire
Cos'è la dieta
Tipi di diete
Sport e salute
Consigli dieta
Perchè si ingrassa?
La tua dieta
Cellulite
Obesità
Anoressia
Bulimia
Disturbi alimentari
Tabelle peso
Prodotti biologici
Allergie ed intolleranze
Calorie
Ambiente
Corso Estetista
Note legali / Cookie
Le Vostre storie
Link utili
Link amici
Oroscopo 2018
Mappa del sito
Scrivici@
ARTICOLI
NEWS
Facebook
>Home page

Tutti i diritti riservati ©

DIETA-SALUTE.COM - © Copyright 2008-2018 - Tutti i diritti riservati - Editore: Associazione Culturale Confgiovani (ente no-profit) - Iscr. ROC n.19181 - Web Project Dr. Massimiliano Giovine - Info: dottormax@gmail.com

Attenzione: prima di seguire una dieta o un regime alimentare controllato o prima di iniziare una qualsiasi attività sportiva, consultare il proprio medico. Decliniamo inoltre ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dall'uso improprio e non corretto di tecniche di allenamento, diete, regimi alimentari ed integratori riportati nei contenuti del presente sito web. |Note legali - Privacy  GDPR  679/2016 - Cookie policy|